Il Movimento Giovanile Tedesco ha vissuto sostanzialmente due periodi, rifacendoci alla ricostruzione di Walter Laqueur, il primo periodo romantico e ingenuo, quello Wandervögel ed un secondo periodo, quello bündisch e völkisch. Nel secondo periodo crebbero molti movimenti religiosi, fra i quali uno dei più importanti fu il movimento Quickborn guidato da Romano Guardini. Ma la fine dell’esperienza fu repentina e ad opera della gioventù hitleriana che dissolse l’esperienza copiandone l’estetica nazionalista.

Le analisi storiche e culturali del Movimento Giovanile Tedesco, spesso identificato con i Wandervögel, in Italia, fino al 2019, erano basate su due monografie:

  • quella di Nicola Cospito, che seppur lodevole per il tentativo di dare una lettura esaustiva dell’argomento, è viziata dal desiderio dell’autore di mostrare che i Wandervögel furono un’avanguardia conservatrice che con le sue attività contribuì alla creazione dei presupposti culturali per l’ascesa del nazionalsocialismo, senza cogliere anche altri aspetti e differenze al suo interno, rifacendosi in questa visione unilaterale al lavoro del Mosse sulle origini culturali del Terzo Reich;
  • l’altra è una traduzione del saggio di Wilfred Mogge, dal titolo I Wandervogel. Una generazione perduta, che traccia una storia troppo sintetica e lascia larga parte del racconto alle fotografie pubblicate in appendice. Senza alcuna sistematicità e con un’eccessiva schematizzazione, con questo lavoro non si coglie il fenomeno nella sua complessità, ma si possono comprendere i segni che informarono i giovani che vissero questa esperienza.

Da marzo 2019 è uscito il libro su “I precursori del’ambientalismo” che, oltre a descrivere la storia del movimento, ne analizza la cultura e l’arte, descrivendolo come il movimento che anticipò l’ambientalismo contemporaneo. Questo mio lavoro sottolinea l’importanza e la centralità del Movimento, per il rigetto del progresso industriale e tecnologico e la ribellione contro l’educazione imposta dalla società borghese in cui viveva.

Stabilire un legame fra questo Movimento ed i successivi movimenti ambientalisti nati nel secondo dopoguerra, è significato per me riannodare dei rapporti trascurati dalla dottrina politica e fornire nuovi contributi alla ricerca sul campo, riprendendo quanto tratteggiato da alcuni autorevoli studiosi italiani e stranieri, cercando di ricostruire ponti fra naturalismo ed ambientalismo, mostrandone il percorso ideale comune fra analogie e differenze, che la cultura ambientalista di sinistra ha rigettato.

Questo sito non utilizza propri cookie, ma per il suo funzionamento utilizza cookie di terze parti. Comunque, disattivandone l'uso, il sito è perfettamente navigabile. Per maggiori informazioni

Questo sito non utilizza cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici di terze parti, necessari per il buon funzionamento del sito. Nel rispetto della normativa vigente, se continui ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta", ne permetti l'eventuale utilizzo. Comunque anche disattivando i cookie, nelle impostazioni del browser, il sito è perfettamente navigabile. Per leggere la privacy policy, collegarsi a questo link: Privacy Policy

Chiudi