Young Germany, Romanticismo e ambientalismo

In questi anni sono stati molti i testi letti, alcuni in lingua originale perché non tradotti. Diversi libri sono diventati nel tempo delle vere e proprie colonne su cui non solo ho ricostruito le matrici storiche e culturali dei movimenti ambientalisti, ma ho cominciato a sviluppare delle vere e proprie chiavi di lettura del presente e dei suoi fenomeni politici e sociali. In questi libri, ed in moltissimi altri, ho trovato le fonti su cui ricostruire le matrici storiche e culturali dei movimenti ambientalisti.

Le matrici storiche

Uno dei lavori più accurati di ricostruzione storica, sia per la completezza dell’analisi, sia per le continue citazioni in altri lavori, è quello di Walter Laqueur, il quale nell‘introduzione alla seconda edizione del 1984 del suo lavoro Young Germany, fece delle considerazioni interessanti sulla nascita dei moderni movimenti ambientalisti. Considerazioni rafforzate da alltri libri, tutti in lingua inglese, che hanno permesso di ricostruire con sicurezza la storia dei Wandervogel e di tutto il Movimento Giovanile Tedesco.

Le matrici culturali

Se in un primo momento la lettura diretta dei testi dei filosofi e scrittori di primo novecento più letti e discussi in Germania  e, soprattutto, fra i giovani tedeschi avesse permesso di strutturare in modo chiaro il percorso compiuto verso la formazione del pensiero ambientalista, solo con il testo di Giampiero Moretti, Heidelberg romantica, si è pervenuti a quella chiarezza su cui si fonda il mio metodo di ricerca.

Non mi resta che dare il benvenuto a tutti coloro che transiteranno su questi post.