Cosa contiene la proposta di un nuovo articolo in Costituzione in difesa dell’ambiente?

Il disegno di legge costituzionale mira a inserire, finalmente, in Costituzione la tutela dell’ambiente. Ma avrà effetti a medio-lungo termine, e non inciderà nel breve periodo su PFAS, ex ILVA, Terra dei Fuochi, gestione dei rifiuti, trivellazioni, energie fossili e alternative, acqua bene comune e grandi opere.

Continua a leggere

2 giugno: prendiamoci cura della Terra, iniziamo dalle armi nucleari

Il 2 giugno l’Italia dovrebbe celebrare il lavoro e la pace, come strumenti fondamentali per prendersi cura della Terra. Non possiamo proteggere l’ambiente, se non iniziamo con il disarmare la politica, l’economia, la cultura e l’educazione. Per prenderci cura della Terra dobbiamo iniziare disarmando l’economia e chiedere al nostro paese di ratificare il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari.

Continua a leggere

Cos’è l’etica ambientale?

Una mia relazione sulle diverse etiche dell’ambiente presentata al decimo e ultimo modulo del corso “HABITAT. Dalla Terra ai Castelli Romani” su “Ecosofia e pornoecologia” a cura dell’Ecoistituto Reseda onlus, con il patrocinio e la collaborazione del Consorzio Sistema Castelli Romani.

Continua a leggere

La riconversione ecologica nel PNRR: quali spazi per le istanze territoriali

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, prevede un’articolata ripartizione finanziaria su voci ancora molto generiche. Ma quelle voci raccontano molto di quali istanze si sono scelte, almeno fino ad ora.

Continua a leggere

La transizione ecologica secondo i NO: lo sviluppo integrale

Le istanze di riconversione ecologica e bonifica dei siti inquinati proposte dai movimenti del NO sono due azioni importanti per porre le basi di una possibile transizione ecologica che si basi sullo sviluppo integrale.

Continua a leggere

I NO che fanno crescere

I movimenti del NO rappresentano, sul territorio, gli anticorpi che contrastano lo sviluppo economico ad ogni costo. Sono il pensiero responsabile che aiuta lo sviluppo, in una visione integrale. Perché quando lo sviluppo diviene ideologico, è doveroso dire NO.

Continua a leggere